Joule e l'energia

"La ragione generale è che quando la forza viva [energia cinetica] viene apparentemente distrutta sia per urto che per attrito o altro mezzo simile, viene prodotto un esatto equivalente di calore. Il reciproco di questa proposizione è anche vero, cioè il calore non può essere diminuito o assorbito senza la produzione di forza viva...”

di Simone Stangalino

Questo percorso è pensato per i ragazzi
della scuola superiore che si avvicinano al concetto di energia e alla trattazione dei principi di conservazione.
In questa sezione si è cercato di ripercorrere il lungo tragitto tortuoso che ha portato all'attuale stato di conoscenza circa i fenomeni legati alle varie forme di energia, in particolare quella meccanica e termica.
Dopo una piccola introduzione sulla corrente di pensiero dell'epoca, in particolare sulla teoria del calorico, si è voluto sottolineare quanto fu difficile criticare e spodestare gli assiomi fisici condivisi dalla comunità scientifica accennandone i punti più importanti.
Abbiamo posto in risaltato la figura di Joule, uno dei più grandi rivoluzionari che si scagliarono contro il fluido calorico, riportando brevi cenni della sua vita e analizzandone lo strumento che gli ha permesso di diventare così famoso fino ai giorni nostri: il mulinello di Joule.

Nell'ultima parte viene descritta un'attività di laboratorio
, in chiave moderna, in cui si può toccare con mano l'esperienza di Joule. Quest'ultima potrebbe dare spunti ad esercizi che coinvolgano l'intera classe e favoriscano il dibattito tra i componenti, uno dei migliori modi per poter trasmettere e far ricordare dei concetti agli studenti.

Infine è riportata la bibliografia e la mappa concettuale richiesta per l'esame.