L'importanza dei musei a Pavia

Quello che non vi aspettavate...








Il sistema museale di Pavia si può dire che sia uno dei più grandi punti di forza e di orgoglio della città, insieme all'università e al castello visconteo. Non solo perchè questi musei contengono una grande storia e un grande nozionismo tecnico e scientifico, ma anche perchè danno spunto a delle riflessioni a dir poco accattivanti...

Prendiamo in esame due musei: il MUSEO DELLA STORIA DELL'UNIVERSITA' e il MUSEO DELLA TECNICA ELETTRICA. Questi luoghi fanno percepire qualcosa di più di una semplice esposizione di "anticaglie". Quello che davvero sorprende è davvero la compresenza tra il sapere scientifico accademico, ufficiale, e l'assoluta indispensabilità degli oggetti esposti non solo per il sapere cittadino, ma addirittura per la vita quotidiana dell'umanità intera! Pensiamo solo alla pila di Volta. Questa viene utilizzata quotidianamente ancora oggi per radioline, apparecchi stereo, rasoi, telecomandi, etc... E proprio nelle stanze del Museo della storia dell'università è possibile ammirare il luogo dove questo grandioso progetto avrebbe preso forma e sarebbe stato divulgato proprio da Alessandro Volta in persona dal 1778 in poi. Per non parlare poi di tutti gli studi che Volta fece per studiare la resistenza dell'aria o le dinamiche degli urti, che oggigiorno sono quotidianamente messi in pratica in campo automobilistico.
E il discorso cominciato al Museo per la Storia dell'Università sembra continuare al Museo della Tecnica Elettrica, dove è possibile riscontrare che gli esperimenti effettuati inizialmente da Volta (e ovviamente tantissimi altri cervelli illustri) hanno poi apportato tutti quei passaggi e quelle avanguardie tecniche che possiamo vivere ogni giorno anche in epoca contemporanea. Pensiamo ad esempio a
quello che significa pensare ai passaggi e alle evoluzioni che ci sono state tra telegrafo e telefono, tra il tram di Milano e la Fiat Seicento Elettra che viaggia con batterie di 18 elementi al piombo da 12 V ciascuno collegati in serie. Ed ecco quindi che siamo arrivati a realizzare la peculiarità del Museo della Tecnica Elettrica: la atemporalità degli oggetti esposti.

L'importanza dei musei a Pavia - Storia della Scienza

E' possibile quindi percepire un valore di un patrimonio della scienza e della tecnica che anzichè limitarsi a ricordarci e a prendere le misure sui passaggi evolutivi della tecnologia, ci fa anche sperare nel domani. Il concetto di auto elettrica non è da museo. Semmai l'automobile che viaggia elettronicamente è un auspicio in un futuro senza petrolio. Per non parlare poi del motore della pala eolica che serve a catturare energia dal vento, è sicuramente un buon proposito per il futuro della vita sul pianeta.
E' il valore dell'ecologia che messo in un museo fa sperare che qualcosa sia già da considerare acquisito dall'umanità come un passaggio tra epoche.

E tutto questo è possibile A PAVIA!
E' doveroso considerare che questa città è un vero e proprio patrimonio del mondo anche per il valore inestimabile contenuto all'interno di questi musei. Pensate se Pavia fosse cancellata dalle carte geografiche, o esplodesse completeamente o se il fiume Ticino travolgesse tutto cancellando la città (video). Cosa succederebbe? Il mondo potrebbe mai restare ad osservare impassibile la scomparsa di questi tesori?
Anche tu non senti il dovere di esserne partecipe e di intraprendere questo stravagante viaggio tra gli oggetti custoditi nei musei pavesi?
E non sono solo musei, così come una bottiglia di Bonarda invecchiata e barricata non è solo uva fermentata, ma un'intensa esperienza "da sorseggiare".


a cura di Bonizzoni Marco Ugo

More pages